Biblioteca Dipartimentale Aggregata Scienze Giuridiche

La Biblioteca ha un patrimonio documentario di circa 60.000 monografie (delle quali ca. 43.000 già fruibili da Catalogo e le altre in fase di acquisizione al patrimonio della biblioteca e di catalogazione) e  ca. 520 titoli di periodici (dei quali molti ormai online); gli utenti dispongono di 140 postazioni studio, sei postazioni computer e una riservata a studenti diversamente abili, un book scanner per la digitalizzazione rapida al servizio degli utenti, una postazione self-check per il prestito automatico con il tesserino magnetico della biblioteca.

E’ una biblioteca a scaffale aperto e collocata secondo la Classificazione Decimale Dewey.

Sono consultabili varie banche dati e riviste elettroniche giuridiche, sia generaliste che tematiche. In particolare, in sede, si possono consultare le seguenti quattro banche dati: Giust.Amm., Lexitalia, Astrid, Italgiureweb.


Di notevole interesse i Fondi presenti nella biblioteca:

  • il Fondo Antico (692 volumi antichi dei quali 134 cinquecentine; 2358 ristampe di volumi antichi o volumi pubblicati dopo il 1831). Molti dei volumi sono stati acquistati dall’Avv. Taurino, e sono di rilevantissimo valore antiquario. Si tratta di una rara biblioteca di un collezionista salentino, che raccoglie un rilevante numero di cinquecentine di argomento giuridico, al cui valore – opera per opera – in ambiente bibliofilo si aggiunge da un lato la ormai appurata difficoltà di reperimento di alcune delle opere in esso incluse sul mercato antiquario, e dall’altro il valore aggiunto della collezione in quanto tale;
  • il Fondo Archi (oltre 6.000 volumi di diritto romano, in continuo incremento per via di doni/scambi nel medesimo ambito con altre enti e università nazionali e internazionali, che si aggiungono al nucleo originario di ca. 2000 vol., acquisiti da Gian Gualberto Archi);
  • il Fondo De Giorgi Luhmann (circa 6.000 volumi di Sociologia e Filosofia del Diritto), appartenuti al prof. Raffaele De Giorgi;
  • il Fondo Grassi composto da una sezione Antica con 456 volumi, per un totale di ca. 219 Opere (la più antica è del 1565, Storia della famiglia Orsina)  e la sezione Moderna che annovera ca. 7125 unità bibliografiche,  con una  sezione Riviste di ca. 126 testate.

La biblioteca inoltre si pregia di uno dei quattro esemplari originali della Costituzione, firmata da Giuseppe Grassi, Guardasigilli e firmatario della Costituzione, nonno di Fabio Grassi Orsini, già docente dell’Università del Salento, che volle donarla nel 2017 al Dipartimento di Scienze Giuridiche. La stessa è esposta all’interno della Biblioteca e, grazie ad una riproduzione virtuale, è possibile sfogliarla cogliendo i particolari delle firme originali apposte sulla copia.

L’accesso alla sala di lettura è libero. Per utilizzare gli ambienti della Biblioteca gli studiosi devono depositare borse, cartelle ed altri oggetti negli appositi contenitori. In tutti gli ambienti È VIETATO:

  1. fumare;
  2. consumare cibo e bevande;
  3. utilizzare il telefono cellulare se non in modalità “silenzioso”;
  4. introdurre animali, eccetto i cani guida per i non vedenti;
  5. intrattenersi per scopi diversi da quelli della consultazione e dello studio;
  6. disturbare, in qualsiasi modo, l’attività di studio e di lavoro svolta negli ambienti di Biblioteca;
  7. deturpare gli ambienti della Biblioteca e danneggiarne o asportarne gli arredi;
  8. lasciare in disordine la postazione occupata.
 

Data Ultimo Aggiornamento: 08/05/2024